Battaglia delle Idee


Video e Media

Inno del Re-Inno delle Due Sicilie

Inno delle Due Sicilie L’Inno del Re, composto da Giovanni Paisiello nel 1787 per Ferdinando IV di Borbone, nella versione cantata dal soprano Stefania Tedesco, in occasione della ormai tradizionale S. Messa in memoria di S.M. Francesco II, nella Chiesa di San Ferdinando di Palazzo a Napoli. Stefania Tedesco è il soprano che, insieme al Nuove Armonie Ensamble diretto dal M° Ida Tramontano,  ha registrato per la Fondazione Il Giglio il cd musicale Inno del Re–Inno delle Due Sicilie (Editoriale Il Giglio, 2008, € 16,00), unica versione cantata dell’inno del Regno. Vai alla scheda. Nel 2020, la Fondazione Il Giglio ha pubblicato gli spartiti musicali di sei …

Leggi tutto 0 Comments
Video e Media

“L’Inghilterra contro il Regno delle Due Sicilie” del prof. Eugenio di Rienzo

 L’Inghilterra contro il Regno delle Due Sicilie (da TG2 Mizar del 25 febbraio 2012) Lo storico Eugenio Di Rienzo è docente di Storia moderna presso la Facoltà di Scienze politiche dell’Università La Sapienza di Roma, dirige la “Nuova Rivista Storica” ed è membro del comitato scientifico di Geopolitica.  Nell’intervista alla rubrica del TG2 Mizar, spiega il ruolo svolto dall’Inghilterra nell’unificazione forzata d’Italia e i suoi interessi nella scomparsa del Regno delle Due Sicilie.  

Leggi tutto 0 Comments
Contro-rivoluzione

7 “Lezioni di storia delle Due Sicilie” – Seminario 2020

Prima di divenire una “provincia” dell’Italia unificata sotto il Piemonte, l’attuale Sud costituiva una realtà unitaria già a partire dal periodo Normanno-Svevo (secoli XI-XIII), rimasta tale per 700 anni. Il succedersi dei secoli e l’alternarsi delle dinastie non avevano sconvolto la composizione di quelle popolazioni, amalgamate tra loro sin dall’epoca della Magna Grecia e della Roma classica. La stratificazione storica e poi la fede cattolica, accolta dall’inizio della sua diffusione nel Mediterraneo, in particolare nel Medioevo ne avevano definito l’identità e la cultura, sviluppando modelli amministrativi nei quali gli elementi comuni prevalevano sulle differenze locali. Quella identità, fede e cultura trovarono l’espressione più …

Leggi tutto 0 Comments
Articoli Lettera NapoletanaTemi Storici

Storia: la rivolta di Masaniello in due rare opere letterarie

(Lettera Napoletana) Secondo la Storia da libri di scuola, imbevuti di ideologia risorgimentale, la rivolta di Masaniello (7-16 luglio 1647) sarebbe stata una rivolta (qualcuno parla addirittura di rivoluzione) del popolo napoletano, guidato dal pescivendolo Tommaso Aniello, detto Masaniello, contro il “dominio spagnolo”, che “opprimeva con esose tasse e gabelle” il “vicereame” di Napoli. Qualche storico risorgimentalista si spinge addirittura a vedere nelle rivolta “l’anelito all’unità d’Italia”, e via immaginando, nell’ambito della leggenda nera sulla monarchia federativa delle Spagne – di cui quello di Napoli era un Regno – gli albori del “sentimento unitario”. Lo studioso Gianandrea de Antonellis ha …

Leggi tutto 0 Comments
Video e Media

Il Brasile di fronte ai poteri mondialisti: conversazione con il prof. Átila Amaral Brilhante

Il #Brasile è il più grande Stato dell’America del Sud, che con 212 milioni di abitanti è quasi un paese-continente (vale a dire la metà circa degli abitanti dell’intera Unione Europea, 446 milioni) possiede enormi risorse – dal petrolio ai diamanti, all’oro, alla ricchezza della natura, all’enorme estensione delle terre non coltivate. Economicamente però il Brasile è un paese ancora sottosviluppato ed afflitto da un grave fenomeno di corruzione della classe politica e di criminalità diffusa. Proprio sull’onda di una forte reazione contro la corruzione, dopo 13 anni di ininterrotto governo del PT (Partido dos Trabalhadores), i brasiliani hanno provato a …

Leggi tutto 0 Comments
Articoli Lettera NapoletanaFede e DottrinaTemi Storici

Storia: i Gerolomini a Napoli dalle origini all’autonomia, libro

(Lettera Napoletana) La storia complessa e travagliata della fondazione della Congregazione dell’Oratorio di San Filippo Neri a Napoli viene ricostruita in uno studio del giovane studioso Corrado Sedda, novizio degli Oratoriani a Palermo. “San Filippo a Napoli. L’Oratorio napoletano dalle origini all’autonomia (1583-1628)” (Fede & Cultura, Verona 2019, pp. 292, € 19), utilizza fonti documentali degli archivi degli Oratoriani – a Napoli chiamati da sempre Gerolomini perché a Roma occupavano la chiesa di San Girolamo della Carità – ed un’ampia bibliografia ed offre uno spaccato significativo della vita religiosa a Napoli nell’età della Controriforma. In realtà – come ricorda subito …

Leggi tutto 0 Comments
Nel MondoVideo e Media

A Saigon, quel 30 aprile 1975 …

La guerra si combatteva sotto il 17° parallelo, dove passava il confine, nel territorio del Vietnam del Sud, prima infiltrato dai Viet-Cong e poi attaccato dall’esercito del Vietnam del Nord, armato dall’URSS e dalla Cina. Eppure si parlava di “Vietnam liberato”. Il 30 aprile 1975 i soldati americani abbandonavano Saigon, mentre le truppe corazzate nord-vietnamite avevano già occupato i punti strategici della capitale. Fu la più grande evacuazione della Storia, una fuga precipitosa a bordo di elicotteri ai quali si aggrappavano disperatamente i sud-vietnamiti. Tra loro circa un milione di cattolici, fuggiti al Sud dopo la sconfitta dei francesi a …

Leggi tutto 0 Comments
Articoli Lettera NapoletanaStoria delle Due SicilieTemi Storici

Due Sicilie: quei 135 primati del Regno, nuovo libro di Gennaro De Crescenzo

(Lettera Napoletana) Sarà un altro boccone amaro per le Vestali del rito storiografico risorgimentale antico ed accettato, ma i primati del Regno delle Due Sicilie, tanti ed incontestabili, adesso sono elencati in un libro. 135 eccellenze del Sud sotto il Regno dei Borbone, da Carlo a Francesco II, sono descritti e documentati da Gennaro De Crescenzo, studioso e presidente del Movimento Neoboborbonico (“Il libro dei Primati del Regno delle Due Sicilie dal 1734 al 1860”, Grimaldi & C. Editori, Napoli 2019, pp. 230, € 65,00) in una pubblicazione di pregio dell’editore napoletano Marzio Grimaldi, corredato da 100 illustrazioni a colori. …

Leggi tutto 0 Comments
Articoli Lettera NapoletanaConsigliatiFilm (S)consigliatiNotizieStoria delle Due Sicilie

Due Sicilie: Francesco Saverio Petagna, un Vescovo per Dio e per il Re legittimo

(Lettera Napoletana) A Mons. Francesco Saverio Petagna (1812-1878), i liberali non perdonavano di aver celebrato con grande fasto a Castellammare di Stabia, di cui era Vescovo, i funerali del Re Ferdinando II di Borbone, morto a Caserta il 22 maggio 1859. Accusato perfino di aver denunciato nel maggio 1848 alcuni rivoltosi liberali che si erano rifugiati nella chiesa di San Ferdinando, a Napoli, fatto tecnicamente impossibile, perché ne era diventato Superiore solo nel settembre 1849, il Vescovo legittimista fu costretto a sei anni di esilio in Francia, a Marsiglia. Respinto e riaccompagnato alla frontiera nel 1864, quando aveva chiesto ai …

Leggi tutto 0 Comments
Storia delle Due Sicilie

L’Architettura borbonica nella Valle dell’Angitola

Carmela Maria Spadaro, Università Federico II   Parlare di architettura borbonica nella valle dell’Angitola significa affrontare essenzialmente il tema della viabilità in una tra le zone più impervie dell’intera penisola italiana. Viabilità perché sostanzialmente questo tipo di architettura contemplò la realizzazione di strade e ponti per collegare parti di territorio su cui insistevano, fino agli inizi dell’Ottocento iperboliche mulattiere; il che avvenne con notevoli difficoltà di realizzazione poiché le condizioni orografiche della zona erano e sono tali da scoraggiare qualsiasi iniziativa, specialmente in tempi in cui la tecnica non aveva ancora trovato soluzioni che rendessero conveniente la realizzazione dei manufatti. …

Leggi tutto 0 Comments